“Una prova della correttezza del nostro agire educativo
è la felicità del bambino”

        Maria Montessori

Il nostro asilo, con le sue due sedi nel cuore dei Parioli e del centro storico di Roma, si propone come un luogo versatile, un contenitore di servizi integrati per mamma, papà e bambini.

È un progetto innovativo, un sostegno concreto che soddisfa pienamente le esigenze quotidiane dei genitori, un’esperienza educativa e creativa per la famiglia, un mondo da scoprire giorno dopo giorno, un supporto per vivere pienamente e piacevolmente il proprio ruolo di genitore.

Desideriamo offrire ai bambini una proposta socio educativa all’avanguardia, il Reggio Approach (uno dei migliori metodi educativi al mondo, studiato nelle più prestigiose Università italiane e straniere) che valorizzi le potenzialità e gli apprendimenti di ognuno e che si basi sul concetto di ascolto attivo tra bambino, educatore e genitore.

Vogliamo affiancare a questa pedagogia servizi di massima qualità tra cui:

  • il bilinguismo con la presenza full time di insegnanti madrelingua
  • la cucina interna prevalentemente biologica
  • la bioarchitettura
  • laboratori giornalieri nel nostro atelier
  • la consulenza costante ai genitori della scuola con la presenza del Supervisore Pedagogico che vanta una grande esperienza in campo educativo
  • visite pediatriche in sede.

La nostra mission è quella di creare un “luogo di grandi significati e sensi”, nei quali i bambini assieme agli adulti abbiano l’opportunità di incontrare, intrecciare e ricercare diversi linguaggi, abitando molteplici contesti, capaci di fare emergere sensibilità e conoscenze, in un’ottica di responsabilità condivisa.

A questo proposito è fondamentale la ricca documentazione condivisa con i genitori attraverso il diario di bordo elettronico giornaliero (grazie al software Easynido), un modo nuovo per i genitori per ricevere informazioni e fotografie relative alla giornata dei propri figli su computer, tablet o sul proprio cellulare!

Il nostro intento pertanto è quello di dare massima importanza alla pedagogia dell’ascolto, che si basa appunto sull’osservazione e sulla documentazione.

Desideriamo porci come un centro di aggregazione e riferimento, promuovendo le relazioni tra le famiglie e tra bambini del quartiere, che Roma difficilmente favorisce, creando di conseguenza una vera e propria rete!